Storia

Una storia tutta italiana tra avvenimenti, comunicazione e passione.

Raccontare la storia di SACLA, acronimo di Società Anonima Commercio Lavorazioni Alimentari, è un po’ come parlare un periodo di storia d’Italia.
Tutto inizia ad Asti nel 1939, come spesso accade nel nostro Paese, da un’idea imprenditoriale di una persona, Secondo Ercole detto “Pinin”, che con la moglie Piera ha l’intuizione di trasformare le verdure in più che il territorio astigiano produce, in un prodotto conservato da consumare in ogni momento dell’anno.
Questa idea è stata portata avanti negli anni dai figli di Secondo Ercole, Carlo e Lorenzo, e ancora oggi Saclà è un’azienda famigliare che, con tre generazioni di impegno, ha consentito la crescita di una filosofia aziendale che ha esaltato la miglior cultura e i prodotti tipici dell’arte culinaria italiana.

saclà-fondazione

Anni

'40

Tradizione italiana dal 1939

Fondata nel 1939 ad Asti, città dove tutt’ora ha sede, Saclà cominciò a svilupparsi sotto la guida dei suoi fondatori, Secondo “Pinin ”Ercole e la moglie Piera Campanella, che, inizialmente, si dedicarono alla produzione e commercio di conserve vegetali in Piemonte, per poi allargare la distribuzione in tutta Italia.

I fondatori

Piera e Secondo Ercole sono stati i fondatori dell’azienda Saclà. Alle origini dell’azienda astigiana c’è l’intuizione imprenditoriale di conservare le verdure raccolte nei mesi più caldi per un consumo durante il periodo invernale. Per la prima volta la conservazione dei vegetali sottolio, sottaceto e in salamoia, fino a quel momento utilizzata all’interno della mura domestiche, viene applicata su scala industriale con risultati di immediato successo. Anche grazie all’impegno dei suoi fondatori Piera e Secondo Ercole, Saclà è oggi leader nel mercato dei sottoli, dei sottaceti e delle olive.

Anni

'50

La ripresa economica

Negli anni ’50 inizia a crescere il numero dei consumatori di prodotti Saclà.
Grazie alle migliori condizioni economiche italiane, molte persone iniziano ad accostarsi e a scoprire la bontà di sottoli, sottaceti ed olive Saclà.
Motivi del successo dell’azienda di Asti sono l’ottima qualità delle verdure utilizzate, la varietà dei prodotti e, soprattutto, la rivoluzionaria confezione famiglia in vaso di vetro con capsula in plastica.

Anni

'60

I favolosi anni '60

Le innovazioni introdotte in azienda e sul mercato si susseguono negli anni: il tappo twist off, la pastorizzazione, le prime olive snocciolate in busta, etc.

Pionieri della comunicazione

La Saclà è leader di mercato e come tale è stata pioniera non solo nel campo della Ricerca & Sviluppo, ma anche in campo pubblicitario: è stata la prima azienda conserviera a comunicare e promuovere la sua immagine presso i consumatori. Chi non ricorda, negli anni ’60, il jingle televisivo del carosello, allegro e divertente, che recitava: “Olivolì, Olivolà, Olivolì, Olive Saclà!”.

Anni

'70

Nuovi prodotti

Saclà lancia gli Acetelli, una linea di sottaceti caratterizzati da una minore acidità che, ancora oggi, viene utilizzato come sinonimo della più ampia categoria merceologica dei sottaceti.

Anni

'80

La gamma si amplia

Negli anni ’80 continua l’attenzione dell’azienda per prodotti di qualità e la volontà di ampliare l’offerta dei prodotti: nascono così i condimenti per pasta a lunga conservazione (pesto, sughi rossi concentrati,etc) che, qualche anno più tardi, saranno di fondamentale importanza per lo sviluppo del mercato estero.

Anni

'90

Consolidamento ed espansione

Gli anni ’90 sono il periodo per Saclà del consolidamento della posizione raggiunta in Italia, mantenendo la leadership nel comparto dei sottaceti, delle olive e dei sottoli e lanciando nuovi prodotti. Nello stesso periodo Saclà si apre al mercato estero con un’offerta di prodotti diversa rispetto al mercato italiano: condimenti per pasta (principalmente pesto e sughi rossi uht) rispettosi delle più tradizionali ricette italiane. Il successo dei sughi pronti Saclà non tarda ad arrivare ed è tale da portare all’apertura di tre filiali: nel Regno Unito, in Francia e in Germania.

Anni

'00

 

E oggi...

Saclà è ancora oggi un’azienda familiare guidata dalla seconda e dalla terza generazione della famiglia Ercole; è leader nel mercato delle olive, del sottaceto e del sottolio ed esporta i propri condimenti pronti per pasta (pesto, sughi rossi, etc) in oltre 40 paesi del mondo.