Pagina in caricamento...

Profumo di basilico

Considerata nell’antichità come la regina delle erbe.


Alla Saclà siamo innamorati della cucina regionale italiana e una delle nostre ricettepreferite è il “Pesto alla genovese”.

L’ingrediente principale di questa antica ricetta è il basilico giunto in Italia attraverso la Persia e la Grecia: il suo nome deriva dal greco Basilikòs che significa “regale” ad indicare che questa era già considerata nell’antichità come la regina delle erbe.

Il nostro basilico viene coltivato nella parte meridionale del Piemonte, al confine con la Liguria, dove il sole e la brezza che soffia verso nord attraverso gli Appennini, regalano alle sue foglie un profumo così intenso.

Il successo del nostro pesto comincia da qui: dall’attenzione che dedichiamo alla coltura della materia prima nel rispetto dell’ambiente. In Aprile il terreno viene sterilizzato con vapore acqueo per evitare l’utilizzo di diserbanti, solo successivamente la terra sarà pronta per la semina. Per crescere sano, rigoglioso ed esprimere al meglio le sue qualità aromatiche il basilico ha bisogno di due mesi di crescita e di un clima mite e soleggiato e naturalmente della cura dell’uomo. La raccolta avviene sempre nelle prime ore del mattino, quando l’aria è fresca e il sole non è troppo caldo, così da preservare la tenerezza delle foglie e conservarne l’intenso profumo. Solo le foglie più giovani e tenere diventano Pesto Saclà perciò sfalciamo solo la parte alta della pianta e lasciamo che ricresca e si sviluppi ancora, per essere nuovamente colta alcune settimane dopo. Non appena raccolto, il basilico arriva ad Asti, nella nostra azienda, dove viene trasformato entro 24 ore. Le foglie vengono lavate con molta cura e asciugate prima di unirsi agli altri ingredienti, tutto sapientemente dosato e miscelato. Solo questa cura fa sì che la freschezza e il profumo caratteristici del pesto rimangano intatti. La nostra intera produzione è costantemente monitorata con oltre 50 controlli fisici, chimici e qualitativi. Per conservare le caratteristiche di ogni ingrediente e mantenere il sapore autentico della ricetta originale, Saclà adotta un particolare processo di pastorizzazione, che preserva il prodotto senza dover ricorrere all’aggiunta di conservanti.

Tradizionalmente gli ingredienti venivano pestati in un mortaio di marmo con un pestello di legno, così da sprigionare tutta la fragranza del basilico. Saclà ripercorre questa tipica lavorazione a freddo mantenendone tutta l’autenticità anche nel processo industriale.

La ricetta classica rappresenta il cuore della gamma dei pesti Saclà che sui mercati esteri annovera inoltre il pesto ai pomodori secchi, alla rucola, ai peperoni arrostiti, alle melanzane grigliate, al coriandolo, al pomodoro e ricotta, nonché le versioni biologiche di pesto al pomodoro e pesto tradizionale.

In Italia, patria della ricetta tradizionale, le nostre ricette di pesto sono particolarmente apprezzate. Naturalmente noi italiani siamo molto esigenti, perciò il nostro prodotto deve essere buono come la ricetta autentica. Una salsa deliziosa, cremosa, ricca di aromi intensi, perfetta come condimento per la pasta, le verdure, adatta ad accompagnare le carni o il pesce.

La qualità di Saclà unita alla grande versatilità di questa ricetta hanno portato il nostro pesto sulla tavola dei buongustai di tutto il mondo.

Photo by Nuno Correia


Pubblicato / 17 Aprile, 2019 | A cura di / Saclà Italia